Espansione dei nostri sforzi per proteggere le elezioni nel 2019

0
38

Di Katie Harbath, Global Politics and Government Outreach Director e Samidh Chakrabarti, Direttore del Product Management, Civic Engagement

Negli ultimi due anni abbiamo investito massicciamente per proteggere l'integrità delle elezioni, non solo affrontando le minacce che abbiamo visto sulla nostra piattaforma in passato, ma anche anticipando nuove sfide e rispondendo a nuovi rischi.

Il nostro approccio a questo problema – come il problema stesso – è multiforme. Le nostre tattiche includono blocco e rimozione di account falsi; trovare e rimuovere i cattivi attori; limitando la diffusione di notizie false e disinformazione; e portando senza precedenti trasparenza alla pubblicità politica. Per sostenere questo lavoro, ora abbiamo più di 30.000 persone che lavorano in sicurezza e sicurezza in tutta l'azienda, tre volte di quante ne avevamo nel 2017. Abbiamo anche migliorato le nostre capacità di apprendimento automatico, che ci consente di essere più efficienti ed efficaci in trovare e rimuovere comportamenti violenti. Questi miglioramenti hanno aiutato in molti modi, incluso il nostro lavoro per combattere comportamento inautentico coordinato. Ad esempio, i progressi tecnologici ci hanno permesso di identificare e bloccare meglio le cattive attività, mentre i nostri esperti investigatori cercano e rimuovono manualmente reti più sofisticate.

Facciamo tutto questo mentre lavorando a stretto contatto con le forze dell'ordine, i regolatori, le commissioni elettorali, altre società tecnologiche, ricercatori, accademici e gruppi della società civile. Mentre questi sforzi sono globali, personalizziamo anche il nostro lavoro nei singoli paesi sulla base di ricerche e valutazioni delle minacce che iniziano molti mesi prima che i voti vengano espressi.

Ecco alcuni degli ulteriori modi in cui stiamo lavorando per rafforzare la nostra piattaforma prima delle elezioni del 2019.

Espansione delle nostre politiche sulla trasparenza della pubblicità politica

All'inizio di questo mese in Nigeria, abbiamo iniziato a disattivare temporaneamente gli annunci elettorali acquistati da paesi diversi prima delle elezioni e implementeremo la stessa politica in Ucraina prima della loro elezione. Prima delle elezioni del Parlamento europeo, a fine marzo lanceremo ulteriori strumenti nell'UE per contribuire a prevenire le interferenze straniere e rendere più trasparente la pubblicità politica e pubblica su Facebook. Gli inserzionisti dovranno essere autorizzati ad acquistare annunci politici; daremo alle persone maggiori informazioni sugli annunci relativi alla politica e ai problemi; e creeremo una biblioteca pubblicamente ricercabile di questi annunci per un massimo di sette anni. La biblioteca includerà informazioni sulla gamma del budget degli annunci, sul numero di persone che hanno raggiunto e sui dati demografici di chi ha visto l'annuncio, compresi età, sesso e posizione. Questi strumenti di trasparenza per gli annunci elettorali verranno lanciati anche in India a febbraio e in Ucraina e Israele prima delle elezioni, con un'espansione globale entro la fine di giugno.

Altre risorse per una rapida risposta alle elezioni in Europa e in Asia

Per espanderci sul lavoro, abbiamo combattuto contro la disinformazione in anticipo rispetto alle elezioni presidenziali in Brasile e agli intermediari degli Stati Uniti, stiamo progettando di istituire due nuovi centri operativi regionali, incentrati sull'integrità elettorale, situati negli uffici di Dublino e Singapore. Ciò consentirà ai nostri team globali di lavorare meglio in tutte le regioni in vista delle elezioni e rafforzerà ulteriormente il nostro coordinamento e i tempi di risposta tra il personale di Menlo Park e il proprio paese. Queste squadre aggiungeranno uno strato di difesa contro notizie false, incitamento all'odio e soppressione degli elettori, e lavoreranno in modo interfunzionale con la nostra intelligence sulle minacce, la scienza dei dati, l'ingegneria, la ricerca, le operazioni della comunità, i team legali e di altro tipo.

Crescere la nostra capacità di affrontare la disinformazione e le false notizie

Il nostro lavoro per combattere le notizie false continua a migliorare. Attraverso News Feed, seguiamo un quadro in tre parti per migliorare la qualità e l'autenticità delle storie. Innanzitutto, rimuoviamo i contenuti che violano i nostri Norme comunitarie, che aiutano a rafforzare la sicurezza della piattaforma. Quindi, per contenuti che non violano direttamente i nostri standard comunitari, ma mina ancora l'autenticità della piattaforma – come clickbait o materiale sensazionale – noi ridurre la sua distribuzione nel News Feed, quindi meno persone lo vedono. Infine, informiamo le persone dando loro più contesto sulle informazioni che vedono in News Feed. Ad esempio, quando qualcuno incontra una storia, può toccare “A proposito di questo articolo“Per vedere maggiori dettagli sull'articolo e sull'editore.

Continuiamo inoltre ad espandere il nostro programma di controllo fattuale di terze parti. Oggi, questo programma copre contenuti in 16 lingue, e abbiamo messo a punto la possibilità per i revisori dei fatti di rivedere foto e video oltre ai link degli articoli, perché sappiamo che la disinformazione multimediale basata su una maggiore quota di notizie false. Quando un fact-checker classifica un post come falso, lo mostriamo più basso nel feed delle notizie per ridurre significativamente il numero di persone che lo vedono e la probabilità che si diffonda ulteriormente. Le pagine e i domini che condividono ripetutamente le notizie false saranno penalizzati con una distribuzione ridotta e non saranno in grado di monetizzare o fare pubblicità su Facebook. Questo aiuta a frenare la diffusione di notizie false motivate dal punto di vista finanziario.

Mentre questi sforzi rappresentano un miglioramento negli ultimi anni, sappiamo che migliorare la sicurezza non è mai finito. Ci sono sempre state persone che cercavano di minare la democrazia. Siamo contro avversari determinati che cercano di attaccare su molti fronti e riconosciamo il nostro ruolo e la nostra responsabilità. Non fermeremo mai tutti i cattivi attori, ma stiamo facendo dei veri progressi e ci impegniamo a continuare a migliorare.

Per ulteriori informazioni sul nostro lavoro in vista delle elezioni del Parlamento europeo in maggio, vedi Qui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here