La sentenza della Corte europea solleva domande sul discorso di polizia

0
4

Di Monika Bickert, VP, Global Policy Management

Immagina che qualcosa che hai scritto e condiviso su Facebook sia stato rimosso, non perché violasse le nostre regole e non perché infrangesse la legge del tuo paese, ma perché qualcuno fosse in grado di utilizzare leggi diverse in un altro paese per rimuoverlo. Immagina anche che il tuo discorso sia stato ritenuto illegale non da un giudice che ha valutato attentamente i fatti, ma da strumenti e tecnologia automatizzati.

Questo scenario è diventato molto più probabile la scorsa settimana quando la Corte di giustizia dell'Unione europea ha stabilito che i paesi dell'Unione europea possono ordinare la rimozione di contenuti non solo nel proprio paese, ma in tutto il mondo. La sentenza ha anche aperto le porte ai tribunali per ordinare la rimozione di contenuti simili al discorso illegale, il che significa che qualcosa che hai pubblicato potrebbe essere rimosso anche se non sapevi nulla del post precedente che un paese europeo aveva ritenuto illegale.

La sentenza è nata da un caso personale di diffamazione presentato da un politico austriaco. Il post in questione condivideva un articolo in cui il politico austriaco aveva delineato le opinioni di lei e del suo partito sull'immigrazione, insieme a un commento di un utente di Facebook che criticava fortemente il politico austriaco.

Anche se alcune persone potrebbero trovare il post ingiustificato o sconvolgente, non era contro le nostre regole. Proibiamo le minacce di violenza contro i politici, nonché le molestie e i discorsi di odio, ma permettiamo alle persone di criticare i funzionari eletti e le loro politiche. Riteniamo che questa sia una parte importante del diritto alla libertà di espressione garantito dall'articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. Tuttavia, rispettiamo le leggi locali quando i loro limiti alla libera espressione soddisfano i test di legittimità, necessità e proporzionalità richiesti dalle norme sui diritti umani, quindi quando un tribunale austriaco ha constatato che questa violazione della legge austriaca rendeva il posto non disponibile in Austria.

Ciò non è bastato per il tribunale austriaco, che ci ha chiesto di rimuovere questo post in tutto il mondo e di rimuovere contenuti simili che criticano questo politico. La questione è stata deferita alla Corte di giustizia dell'Unione europea.

La sentenza della Corte della scorsa settimana solleva questioni critiche per la libertà di espressione, sotto due aspetti chiave.

Primo, mina il principio di vecchia data secondo cui un paese non ha il diritto di imporre le sue leggi su un altro paese. Ciò è particolarmente importante con le leggi che regolano il discorso, perché ciò che è legalmente accettabile varia considerevolmente nelle diverse parti del mondo e persino all'interno dell'UE. La sentenza apre anche la porta ad altri paesi in tutto il mondo, compresi i paesi non democratici che limitano fortemente la parola, a chiedere lo stesso potere.

In secondo luogo, la sentenza potrebbe portare a una situazione in cui le società private di Internet potrebbero essere costrette a fare affidamento su tecnologie automatizzate per la polizia e rimuovere discorsi illegali “equivalenti”. Ciò è particolarmente preoccupante per situazioni come questa, in cui il discorso è di natura politica.

Mentre i nostri strumenti automatizzati hanno fatto molta strada, sono ancora uno strumento contundente e incapace di interpretare il contesto e l'intento associati a un determinato contenuto. Determinare il messaggio di un post è spesso complicato, che richiede valutazioni complesse sull'intento e la comprensione di come vengono utilizzate determinate parole. Una persona potrebbe condividere un articolo di notizie per indicare un accordo, mentre un'altra potrebbe condividerlo per condannarlo. Il contesto è fondamentale e gli strumenti automatici non conoscono la differenza, motivo per cui fare affidamento su strumenti automatizzati per identificare contenuti identici o “equivalenti” può comportare la rimozione di un discorso perfettamente legittimo e legale.

Le organizzazioni di tutto il mondo hanno espresso timori per questa sentenza e il suo impatto sulla libertà di parola, incluso Articolo 19, CCIA, Accedi ora e EDRi. Molte persone hanno anche espresso le loro preoccupazioni riguardo alle società private che si trovano al posto dei tribunali per accertare il contenuto della polizia e determinare ciò che è legale o illegale, in particolare quando si tratta di discorsi che criticano un personaggio pubblico.

I tribunali nazionali svolgeranno il ruolo principale nell'attuazione di questa sentenza. Ci auguriamo che, così facendo, valutino gli effetti delle loro ingiunzioni sui diritti di libera espressione e stabiliscano chiare definizioni di discorso “identico” ed “equivalente”. Speriamo anche che, nell'interesse del rispetto dei diritti delle persone in altri paesi, limitino le loro ingiunzioni o il blocco dell'accesso alle informazioni ai propri confini geografici.

Vedi i commenti di Mark Zuckerberg su questo problema di seguito da Domande e risposte pubbliche della scorsa settimana.

“C'è stata questa sentenza della Corte di giustizia europea sul contenuto e sul discorso che ha sostanzialmente affermato che un paese in Europa presumibilmente può far rispettare le sue regole di discorso al di fuori del paese stesso che, penso, è solo un precedente molto preoccupante da stabilire. Molto di ciò che facciamo internamente è focalizzato nel dare voce alle persone, nel consentire una maggiore libertà di espressione, nel consentire alle persone di esprimere tutto ciò che vogliono e ci sono molte sfide. Alcuni sono culturali. Ci sono problemi di sicurezza. Vogliamo creare una comunità accogliente. Alcune delle cose che le persone vogliono pubblicare ci sono problemi reali e dobbiamo affrontarli, ma ci sono molte questioni politiche e legali in tutto il mondo e questa è un'area in cui siamo costantemente impegnati con diversi governi e respingiamo. L'attuale serie di cose che facciamo sono: quando un governo è democratico e ha un buon stato di diritto, generalmente seguiremo le leggi locali in quel paese. Quindi, se qualcuno pubblica qualcosa non lo mostreremo in quel paese se è contro le leggi in quel paese, ma non abbiamo avuto precedenti in cui un paese abbia provato a dire 'hey, non puoi farlo al di fuori di il nostro paese. “Abbiamo avuto precedenti ma li abbiamo combattuti con successo. Questo è uno dei casi in cui molti dettagli su come verrà implementato dipenderanno dai tribunali nazionali di tutta Europa e da cosa definiranno lo stesso contenuto rispetto a un contenuto approssimativamente equivalente. Questo è qualcosa che noi e gli altri servizi potremo litigare e ottenere chiarezza sul significato di questo. So che parliamo di libera espressione come valore e ho pensato che si trattasse di uno sviluppo abbastanza preoccupante. “

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here